Lavori in corso da Flos

Nello stand a Euroluce tutte le novità del gruppo in un allestimento che allude a un cantiere in piena attività. Rappresentato dal manifesto Designers at Work che riunisce in una divertita fotografia di gruppo di Fabio Lovino tutti i creativi del brandLeggi

La prima sorpresa all’ingresso dello stand: in un grande manifesto ecco i designer che hanno contribuito a realizzare la nuova collezione Flos. Tutti a loro agio nei panni di una squadra di operai al lavoro. Sperimentazione formale e innovazione tecnologica sono evidenti in ogni prodotto. Tra le novità più interessanti Soft Architecture di Thierry Dreyfus che con il progetto Wall Rupture ha creato una installazione luminosa dall’ intenso potere evocativo. È una suggestiva frattura nella superficie del muro che rivela la luce senza mostrarla mai.

Le nuove collezioni. Per tutti
Patricia Urquiola presenta Tatou, serie completa di lampade che vanno dalle sospensioni in più formati alle diverse versioni da terra. Punto comune: il diffusore di metacrilato traforato che proietta la luce disegnando un pattern reticolare. Interessanti i prezzi. La politica (intelligente) sui costi si riscontra anche nelle sospensioni Can Can, evoluzione semplificata di un prototipo di Marcel Wanders già pronte per il mercato. Sua anche Chrysalis, grande lampada da terra realizzata in cocoon ispirata alle forme di un vaso. Ron Gilad, protagonista della scorsa edizione di Euroluce, evolve il suo affascinante Wall Piercing in prodotti più versatili. Il risultato è il lampadario 2620 Leds (il nome dal numero dei led impiegati) e la Linea Delta: applique tubolari in alluminio pressofuso, disponibili in forma lineare o circolare.

In primo piano le applique
Per quest’anno vengono proposte da Flos in un’ampia varietà di forme. Puntano sull’assoluta semplicità le luci da muro Baeker di Edward Barber &Jay Osgerby: sono delicati contenitori di luce a doppia emissione superiore e inferiore, declinate nei formati big e mini. Anche Piero Lissoni contribuisce all’ampliamento della gamma con le nuove TSIH e TYL dal segno rigoroso a L e a T, che diffondono la luce in modo discreto.
Debuttano Ronan Bouroullec e Erwan Bouroullec
Con la linea di lampade Piani (luce più elementi orizzontali) e la sospensione Aim, entra nella scuderia Flos la coppia di designer francesi con le loro forme essenziali e basilari. Aim guarda alla spontaneità delle forme naturali: offre una varietà infinita di regolazioni per rispondere a ogni esigenza.

Evoluzione tecnologica e LED

Ricerca e innovazione tecnologica guidano verso consumi sempre più consapevoli e sostenibili: tutte le nuove lampade Flos sono power LED, le sorgenti a basso impatto energetico. Oltre che nella nuova edizione mini, l’iconica lampada da tavolo Kelvin LED di Antonio Citterio è presentata per il 2011 in versione green mode. Un sensore permette il più corretto utilizzo dell’energia: attivabile dalla testa della lampada, rileva la luce presente nell’ambiente e modula l’intensità dei LED di conseguenza. Flos va ancora oltre, prefigurando l’integrazione tra illuminazione e le nuove forme immateriali di comunicazione: con iQ sarà possibile gestire la luce domestica da iPhone e iPad. L’intuizione è confermata anche da Philippe Starck: oltre alla sinuosa Reflect 299 presenta Biblioteque Nationale e Net: luci orientate alla nuova estetica high tech, funzionano come supporti per gli ormai indispensabili terminali tecnologici.

Fonte: By Di Laura Pastorino Foto di Danilo Alessandro

per http://atcasa.corriere.it/
Link: http://atcasa.corriere.it/Salone-del-Mobile-2011/Euroluce/2011/04/13/flos-euroluce.shtml

Cordedda & C. S.r.l. | S.S. 554 km 9.0 - 09047 Z.I. Selargius (CA) - Italy
P.IVA 02908780923 - Capitale Sociale € 10.000,00 i.v. - Rea 232581
Realizzazione siti web: J-Service
Graphic design: kimejoe.com